Un sito ben fatto risolve tanti problemi, persino a Venezia

Ti raccontiamo una cosa che forse non sai: a Venezia, soprattutto in centro, non ci sono gli indirizzi. O meglio, non come li intendiamo di solito. Ogni zona (sestiere) ha invece una serie di numeri civici in progressione: da 1 fino a oltre 6000!

Cosa stai pensando? Fammi indovinare, stai pensando che sia un grosso problema! per consegnare la posta, per farsi trovare da un amico che non conosce bene la città, per i navigatori. E come trovare l’hotel, o il ristorante, o quel negozio di oggetti in vetro che ti hanno tanto consigliato?

Scommetto che, se hai un’impresa, questa situazione ti crea ansia. Chissà quanti clienti verranno persi in questo modo, e magari si fermeranno al primo locale che incontrano.
Per fortuna Venezia è una città bellissima, che attrae tantissimi visitatori. C’è un’altro posto molto visitato, tutti i giorni, da persone di tutto il mondo e di tutte le età, il web!

Nel 2017 in un solo giorno, in media, 24.8 milioni di persone sono collegate ad internet in Italia, e ben 4 miliardi nel mondo sono connesse.
Cosa accade se la tua impresa non ha un sito web? Beh, diciamo che sta come a Venezia, con l’acqua alta..

UNA CASA DI PROPRIETA’

Un sito, per il tuo business, è paragonabile ad una casa. Con un indirizzo facile da trovare per tutte le persone che, tutti i giorni, passano tanto tempo sul web.
Potresti pensare che, solo per mostrare le informazioni di base sulla tua azienda, è sufficiente una pagina Facebook.
Forse hai, o meglio avevi, ragione; comunque solo in parte.

Sapevi che Facebook ha annunciato un grande cambiamento nei suoi meccanismi? Le pagine professionali, soprattutto se non sostenute da campagne pubblicitarie a pagamento, saranno sempre meno “visibili”. Inoltre lo spazio che occupi su Facebook non è tuo. In qualsiasi momento la piattaforma può cambiare regole, o persino chiudere. Come un locatario lunatico.

Un sito web, al contrario, se acquisti il dominio e lo spazio (l’hosting), sarà tuo per sempre.

BENE, HAI DECISO

ti serve un sito
. E adesso? Come si fa? Cosa dovresti richiedere, e a chi?

Noi di Emc2web ti possiamo guidare in questo percorso. Perché siamo professionisti; e ti consigliamo di pensare prima di tutto alle fondamenta. Quindi diffida delle piattaforme su cui puoi costruire “gratis” il tuo sito: anche in questo caso non sarai mai davvero proprietario della pagina, e sarai penalizzato da Google. Noi lavoriamo con Wordpress, che è in assoluto lo strumento oggi più utilizzato per costruire siti web. Questo vuol dire costante aggiornamento, continua assistenza, e la garanzia di un sito stabile e sicuro.

Alla guida di questo potente bolide un programmatore con i fiocchi, che ci permette di offrirti un
sito non solo personalizzato, ma soprattutto ben funzionante.

Poi organizziamo gli spazi: prima di tutto una casa deve essere comoda.
Ci preoccupiamo della user experience: aiutiamo chi visita il sito a trovare tutto, in modo rapido, facile, piacevole. Ti garantiamo un sito interamente responsive. Che significa? Che sarà bellissimo e funzionante sia che tu lo guardi dal pc, o dallo smartphone, dal tablet … Così tutti troveranno irresistibil le tue proposte!

Infine arrediamo: foto, grafica, parole (copywriting), tutto studiato per raccontare nel modo migliore la tua impresa, e perchè anche Google trovi interessante il tuo sito (cioè ci preoccupiamo della SEO – seguici, te la spiegheremo alla perfezione nei prossimo articoli).

Queste sono le caratteristiche davvero importanti che un sito internet deve avere per aiutare il tuo business a decollare.
Vuoi saperne di più? Pensi che sia arrivato il momento di realizzare un sito per il tuo business? Hai un sito vecchiotto, o che non fa il suo dovere?

CONTATTACI 
Siamo sempre a tua disposizione per chiarire dubbi e dare risposte

Sei semplicemente curioso?
Ti piacerebbe saperne di più sul mondo del web marketing?
SEGUICI e lascia un like
Attraverso i nostri canali ti forniremo tante informazioni utili
per orientarti in questo mondo entusiasmante ma complesso.

Ti è piaciuto l’articolo ?
Clicca sotto e condividi l’articolo

Facebook
LinkedIn